Camminata dalla Cella di Borgo d’Ale ad Azeglio

Domenica 1° luglio proponiamo una camminata diversa dal solito, che prevede di raggiungere in auto il punto di partenza. Infatti si parte in auto da Santhià, arrivando alla Chiesa di Santa Maria della Cella di Borgo d’Ale, dove inizierà la camminata tra i boschi (circa 8 km).

Lungo il percorso: visita al molo di Azeglio (lago di Viverone) e al Convento di Sant’Antonio Abate, situato lungo l’antico percorso francigeno che passava a Sud del lago di Viverone. Al termine si proseguirà il cammino verso Azeglio, dove i volontari dell’Artev accompagneranno i camminanti lungo un’interessante visita guidata alle bellezze del paese. Pranzo e, nel pomeriggio, ripresa della visita. Al termine, ritorno a piedi fino alla Cella di Borgo d’Ale (altri 8 km).

Partenza della camminata: dal piazzale della Chiesa di Santa Maria della Cella, alle ore 9,30.

Ritrovi: a Santhià, in piazza Aldo Moro, alle ore 8,30. Alle 8,45 si parte in auto verso la chiesa della Cella (indicazioni per chi arriva da solo: raggiungere Borgo d’Ale e, prima della “Porta”, svoltare a destra, tenendo sempre la strada principale fino alla chiesa della Cella).

Per gli Alicesi e i Borgodalesi: ritrovo direttamente alla Cella, alle ore 9.00.

Se vi saranno richieste, verrà presa in considerazione anche la possibilità di raggiungere la Cella di Borgo d’Ale in bici (partendo da Santhià) oltre che in auto.

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.