Aperitivo Letterario

Sabato 26 maggio, ore 10,30, Biblioteca civica Santhià
Maria Lacchio presenta “Il Ciondolo”, con letture e commenti di Luigi Zai

“Il Ciondolo” (ed. Solidago – www.solidagolibri.com) è un romanzo brillante, ricco di eventi e di personaggi singolari che termina con un finale inaspettato.
“Il ciondolo” è il movimentato seguito di “Magrepha”, con gli stessi protagonisti che si ritrovano tuffati in nuove complesse vicende.
Ricco di dialoghi incalzanti, presenta i connotati dell’opera teatrale, pur avendo il respiro di un romanzo avventuroso, non privo di accenti lirici e romantici.
Una lettura di intrattenimento agile e gradevole che non mancherà, con i suoi colpi di scena, di avvincere qualsiasi lettore.
Un nebbioso pomeriggio d’inverno nel tranquillo Borgo di Santhià si trasforma in un pomeriggio da incubo per il Marchese Manfredi. Quattro anni prima, l’assassinio del fratello Segue
Share

Serata ornitologica

MARTEDI’ 29 MAGGIO  – SANTHIA’,  Biblioteca Civica  ORE 21,00
Lago di Viverone: un tuffo nelle meraviglie nascoste di uno straordinario ambiente naturale.

L’esperto ambientalista Luciano Cignetti, affiancato da un’appassionata naturalista, Annamaria Baldassi, commenteranno con dovizia di particolari una serie di immagini sensazionali sulla ricchissima varietà di specie vegetali e animali che popolano il lago nelle diverse stagioni, con particolare attenzione all’avifauna e ai misteri dei flussi migratori. Un raro ecosistema, poco conosciuto ai più, da proteggere assolutamente.


Luciano Cignetti, naturalista appassionato e profondo conoscitore degli ambienti lacustri dell’area, ci condurrà tra le meraviglie più evidenti e quelle gelosamente nascoste tra i canneti e le ninfee del lago di Viverone e di quello di Candia: racconterà  delle “cozze” di lago, appetite dai cigni, dello straordinario numero di specie diverse di libellule, della danza di corteggiamento degli svassi, del braccio di ferro tra studiosi e gabbiani, tra finte e contro finte per prendere il boccone ed evitare l’inanellamento…
Un racconto che si sviluppa come un libro d’avventure e ci permetterà di scoprire e guardare al lago con occhi nuovi.
“Il lago di Viverone, agli occhi di molti,  suscita il ricordo di estati, bagni rinfrescanti e giri in barca, paesaggi riposanti  e picnic lungo le rive, ma questo, – sottolinea Annamaria Baldassi – come ogni altro ambiente lacustre, è soprattutto molto altro.”
Le rive dei laghi e degli stagni e, in generale gli ambienti umidi sono importanti e preziosi per conservare la biodiversità ed hanno un immenso valore botanico e faunistico, in quanto insostituibili siti di riproduzione per pesci, anfibi, uccelli e per una moltitudine di animali invertebrati.
Inoltre la loro vegetazione agisce come un vero e proprio depuratore delle acque, assorbendo le sostanze nutrienti, trattenendo i sedimenti e arricchendo l’acqua di ossigeno.
Prosegue Annamaria Baldassi: “Il lago di Viverone e gli altri laghetti disseminati nell’Anfiteatro Morenico della Serra d’Ivrea, svelano, a chi sa osservare, la propria maggiore ricchezza nei periodi invernale e primaverile, quando diventano luogo di sosta e rifugio del “popolo migratore” o quando si colorano delle livree degli svassi in parata nuziale.”
Ma sono anche ambienti di sopravvivenza di anfibi, libellule, farfalle, indicatori di equilibri naturali ancora preservati, ambienti che stanno correndo seri rischi di scomparsa in quanto oggetto, da sempre, di un’intensa attività umana di “bonifica” o antropizzazione dissennata.
La serata in programma ci aiuterà anche a comprendere tutto questo e a difendere per quanto possibile questo scrigno prezioso di biodiversità.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CLICCANDO SOTTO SU SHARE!

Share

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.