Il Regno d’Italia fatto dai Borboni

MARTEDI’ 26 NOVEMBRE 2019, BIBLIOTECA COMUNALE
Conferenza divertente e stimolante su una possibile Italia diversa

Gianluigi De Marchi è uno scrittore vulcanico: esperto di finanza è autore di una quarantina di volumi che trattano l’argomento, salvo quando, voltandosi indietro, ha cominciato a sviluppare un pensiero critico e a dedicarsi alla narrativa. E questa svolta lo ha portato alla fantastoria, immaginando, insieme all’amico Francesco Femia, un esito rovesciato della spedizione dei Mille: e se Garibaldi fosse stato sconfitto sul Volturno? In effetti l’esito della battaglia fu incerto fino alla fine e per poco la storia italiana non ha preso un’altra direzione. Ma quale direzione?
Partendo da questa ipotesi, che è anche una provocazione, De Marchi intratterrà con gradevole spirito affabulatorio il pubblico della Biblioteca santhiatese, sintetizzando le pagine del suo ultimo libro “Il Regno Unito d’Italia” e cimentandosi nell’immaginare scenari diversi. Scenari neanche troppo fantastici dal momento che, si sa, la storia la scrivono i vincitori un po’ come a loro meglio aggrada, ma esistono documenti che De Marchi e il suo amico utilizzano per riscriverla un po’. Ad esempio, immaginano che il primo ministro a guidare un’Italia unita retta dai Borboni sia Segue

Share

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.