resoconto attività Compagnia dell’Armanac nel 2014

In seguito all’assemblea dei soci tenutasi martedì 20 gennaio 2015, al fine di perseguire la massima trasparenza nel proprio operato, i soci dell’associazione intendono rendere noto attraverso il sito la relazione annuale dell’esercizio del 2014 e i bilanci consuntivo del 2014 e preventivo del 2015.

RELAZIONE ANNUALE ESERCIZIO 2014
Sigg.ri soci e simpatizzanti
Sig. Sindaco del Comune di Santhià
Sig.ra Presidente dell’Associazione VOBIS
Santhià, 20 gennaio 2015
Gentilissimi amici,
la Compagnia dell’Armanàc, con la chiusura dell’esercizio 2014, ha concluso il suo decimo anno di vita, un traguardo che fa onore a tutti coloro che, a vario titolo, si sono adoperati affinché l’associazione potesse operare e conseguire le proprie finalità. In questi dieci anni l’Armanàc è diventata un punto di riferimento – apprezzato e conosciuto anche al di fuori della realtà santhiatese – per lo svolgimento di attività culturali (sicuramente non di massa, ma sempre di qualità medio-alta) che riscuotono apprezzamenti da parte sia degli affezionati che dei frequentatori occasionali.
Le principali iniziative sociali svolte nel 2014 possono essere sintetizzate come segue:
a) organizzazione di appuntamenti a tema nei locali della biblioteca, tra cui si ricordano:
- In viaggio con Controluce – 14 gennaio, proiezione di reportage fotografici realizzati da tre soci del circolo fotografico Controluce di Vercelli;
- Uno sguardo alla Sindone tra fede e scienza – 8 aprile, incontro divulgativo sul tema della Sindone, realizzato dal dott. Castellino;
- Via Romea Canavesana – 15 aprile, presentazione delle attività dell’associazione omonima;
- Serata Bed&Breakfast – 8 maggio, incontro-discussione sul mondo dei B&B e sulla possibilità di aprire nuove attività;
- Viaggio in America – 9 dicembre, reportage fotografico di un viaggio negli Stati Uniti realizzato da Giuseppe Ranghino.
b) consegna di un contributo di 500 euro al Parroco di Santhià per consentire l’avvio dei restauri della vecchia chiesa di San Grato. Questo importo è stato donato grazie alle offerte raccolte con la terza edizione del calendario della serie “Santhià, com’era… com’è”;
c) organizzazione di mostre fotografiche, tra cui quelle del socio Michele Urru nel mese di marzo; sempre nel mese di marzo, precisamente il 21, la nostra associazione è stata coinvolta nella serata “Media Luna” promossa dal Centro Servizi per il Volontariato, in collaborazione con l’associazione “La Voce”: 10 soci fotografi hanno presentato 10 fotografie, proiettate durante la serata, di cui una a testa è stata selezionata per un libro fotografico messo in vendita per ricavare fondi per il CSV.
Aggiungiamo che nell’autunno è stato svolto un corso di fotografia, a cura del socio Sergio Giovanni Coccia, esperienza che potrà essere proposta anche nel prossimo anno;
d) valorizzazione della cultura locale, del paesaggio e della sostenibilità in senso lato, grazie allo svolgimento di alcune camminate, tra cui ricordiamo:
- Santhià-Bianzè, svoltasi il 23 marzo, con la collaborazione dell’associazione locale Blanzate;
- Teatro in Cammino, svoltasi il 12 luglio, in collaborazione con La Voce e il gruppo teatrale degli Sbiriulà (e alcuni amici!);
- Periplo del Lago di Viverone, svoltasi il 12 ottobre;
- Santhià-Dorzano, svoltasi il 22 novembre, in collaborazione con il comune di Dorzano.
e) realizzazione della quarta edizione del calendario “Santhià, com’era… com’è”, i cui proventi, derivanti dalle offerte dei soci e dei cittadini, saranno destinati al sostegno delle attività della Caritas e del gruppo AMOS.
Per quanto concerne la presenza di pubblico agli incontri serali, si può rilevare che, forse anche a causa della riduzione del numero di incontri, la partecipazione è stata sempre discreta, sebbene inferiore rispetto alle esperienze dei primi anni.
Per quanto riguarda invece la partecipazione alle attività all’aria aperta (camminate), rileviamo un certo calo di presenze (peraltro verificatosi anche per le iniziative organizzate da altre associazioni), quasi sempre a causa della sovrapposizione con altre iniziative.
Si conferma la disaffezione di alcuni membri del Consiglio Direttivo, che non hanno mai partecipato attivamente alle decisioni associative, aspetto di cui occorrerà tenere conto in sede di nomina del nuovo Direttivo. Un aspetto da valutare è la suddivisione dei compiti all’interno
dell’associazione tra i diversi soci, affinché non vi sia un accumulo di troppi impegni su poche persone.
Facendo riferimento agli aspetti più strettamente contabili, si possono evidenziare i seguenti punti:
- un’adesione di 43 soci effettivi;
- l’assenza di contributi erogati da parte di enti pubblici;
- un ulteriore contenimento delle spese correnti e l’assenza di costi di tipo patrimoniale;
- la piena copertura dei costi relativi alla realizzazione del calendario del 2015, grazie alle offerte degli sponsor e alla presenza di alcune                   contribuzioni volontarie.
A fine 2014 la dotazione finanziaria netta (saldi di cassa e banca) ammonta a circa 1.600 euro, inferiore di circa 300 euro rispetto alle disponibilità di inizio anno.
Per quanto concerne il Bilancio preventivo del 2015, è stato inserito un significativo contributo comunale di 2.800 euro, destinato in larga parte alla copertura delle spese relative alla realizzazione di un sito internet (Santhià turismo). A questo proposito, si prevede che i costi per la realizzazione e l’avvio dello stesso siano dell’ordine dei 2.000 euro. Per gli anni successivi si prevede l’erogazione di un contributo per la gestione del sito, il cui importo resta però da definire sulla base della mole di lavoro necessaria. Ciò detto, a fine 2015, le risorse disponibili potrebbero aumentare di circa 500 euro.
Attività previste nel corso del 2015
La naturale scadenza del Direttivo in carica non consente di svolgere un’analisi completa delle attività previste nel corso del 2015, giacché spetterà (anche) al nuovo Direttivo di individuare nuovi filoni di iniziative sociali.
Facendo riferimento alle attività in corso o già programmate, si può confermare che anche nel nuovo anno verranno organizzate alcune camminate alla scoperta del nostro territorio (eventualmente in collaborazione con altre associazioni); proseguiranno altresì le serate in biblioteca, nonché l’allestimento di mostre fotografiche personali, realizzate dai soci dell’associazione.
In conclusione si può ribadire che anche l’esercizio 2014 è stato ricco di iniziative sociali. I risultati ottenuti sono stati possibili grazie all’Amministrazione Comunale, che ha sempre concesso l’utilizzo della Biblioteca Civica, sia per le serate aperte al pubblico che per le attività del gruppo fotografico, al Centro Servizi per il Volontariato di Vercelli, che ha sempre provveduto alla stampa gratuita di volantini e locandine delle numerose serate, all’associazione VOBIS della Biblioteca, che ha garantito la fruizione dei locali della biblioteca, ai collaboratori delle diverse testate locali che hanno sempre prestato una pregevole attenzione per le attività svolte, offrendo loro degno risalto sulle pagine da loro curate.
Alla presente relazione si allega la prima nota dei movimenti finanziari del 2014, insieme al bilancio consuntivo 2014 e a quello preventivo 2015.
Ringraziando per l’attenzione, si porgono a tutti i nostri più calorosi saluti.
Il Segretario Mario Matto
Il Presidente Gianpaolo Falletti
Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.