Resoconto attività Compagnia dell’Armanac 2015

In seguito all’assemblea dei soci tenutasi martedì 12 gennaio 2016, al fine di perseguire la massima trasparenza nel proprio operato, i soci dell’associazione intendono rendere noto attraverso il sito la relazione annuale dell’esercizio del 2015 e i bilanci consuntivo del 2015 e preventivo del 2016.

RELAZIONE ANNUALE ESERCIZIO 2015

Sigg.ri soci e simpatizzanti

Sig. Sindaco del Comune di Santhià

Sig.ra Presidente dell’Associazione VOBIS

Santhià, 12 gennaio 2016

Gentilissimi amici,

la Compagnia dell’Armanàc chiude un esercizio (quello del 2015) che ha presentato molte soddisfazioni, in particolare per quanto concerne l’ampia attività svolta. In particolare, le principali iniziative sociali svolte nell’anno appena chiuso possono essere sintetizzate come segue:

a) organizzazione di appuntamenti a tema nei locali della biblioteca, tra cui si ricordano:

-        3 febbraio: Il sacrificio di Maddalena, presentazione di un romanzo di Danilo Ravagnani;

-        17 marzo: Immagini dalla Cina, reportage fotografico a cura di Victor Nomin;

-        31 marzo: Pastafrolla sarai tu, a cura della Diapsi di Vercelli, promozione del progetto per la realizzazione di un biscottificio;

-        21 aprile: The Sun Trip 2015 – Dall’Italia al Kazakistan in velocipede, presentazione dell’iniziativa a cura di Adalberto Cravero;

-        28 aprile: Volevo essere Jim Gannon, presentazione del libro autobiografico di Giulio Levi;

-        12 maggio: La leggenda granata dei fratelli Mosso, presentazione del libro di Massimo Ellena;

-        26 maggio: USA coast to coast, reportage fotografico a cura di Isabel Fassone e Simone Secchiati;

-        9 giugno: Fotografie a km zero, reportage fotografico a cura di Cele Bellardone e Dino Boffa;

-        27 ottobre: Racconti partigiani, presentazione del libro di Giacomo Verri, a cura dell’ANPI di Santhià;

-        10 novembre: La mia Pro dalla B alla Z, presentazione del libro di Enrico De Maria sulla Pro Vercelli;

-        24 novembre, L’altra Valsesia, reportage fotografico di Maurizio Ariena, socio CAI di Vercelli;

-        1° dicembre: Permette, signorina?, presentazione del libro di Bruno Casalino sulle sale da ballo del Vercellese;

-        15 dicembre: Oltrenord Artic, reportage fotografico di Marco Sanzone (a cura dell’associazione “La Voce”, con la partecipazione della Compagnia dell’Armanàc);

b) consegna di un contributo di 700 euro all’Associazione AMOS di Santhià per le proprie attività sociali. Questo importo è stato raccolto parte dalla stessa Associazione beneficiaria, mediante vendita di nostri calendari (quarta edizione della serie “Santhià, com’era… com’è”), parte mediante contribuzione diretta della Compagnia dell’Armanàc;

c) organizzazione di due mostre fotografiche, una collettiva, sul Carnevale, esposta in biblioteca dal 15 al 28 luglio, e una personale, a cura del socio Gianfranco Guidi, dal 12 al 26 maggio;

d) valorizzazione della cultura locale, del paesaggio e della sostenibilità in senso lato, grazie allo svolgimento di alcune camminate e visite guidate, tra cui ricordiamo:

- 15 marzo: Camminata Santhià-Roppolo, con la collaborazione dell’Amministrazione comunale di Roppolo, che ha messo a disposizione i locali del Centro Polivalente;

- 26 aprile: Camminata Santhià-San Damiano, con la collaborazione della Pro Loco di San Damiano;

- 7 giugno: Camminar gustando, con la collaborazione del Comitato Festeggiamenti di Casanova Elvo;

- 3 ottobre: Visita all’impianto di compostaggio, con la collaborazione di Entsorga Italia;

- 11 ottobre: Camminata autunnale, con la collaborazione della Via Romea Canavesana;

- 29 novembre: Camminata crepuscolare, con l’accoglienza dei partecipanti all’Oratorio di San Grato;

e) realizzazione della quinta edizione del calendario su Santhià, questa volta con un formato differente: non più realizzando un confronto tra una cartolina vecchia e una fotografia attuale, ma attraverso una composizione di foto relative a particolari architettonici, curiosità, luoghi poco conosciuti ecc. Infatti il titolo del calendario è: “Conosci Santhià?”. La Compagnia dell’Armanàc ha donato 200 copie del calendario all’Oratorio di San Grato, che le ha liberamente messe in vendita per raccogliere risorse con cui finanziare le proprie attività;

f) segnaliamo poi che nel corso del 2015 è stata affidata alla nostra associazione la realizzazione del sito www.santhiaturismo.it e la sua manutenzione (con aggiornamenti pressoché quotidiani). Per questo incarico è stato ricevuto un contributo di 2.800 euro da parte del Comune di Santhià. I volontari dell’associazione si sono attivati per la ricerca della documentazione scritta e fotografica necessaria per una graduale implementazione delle diverse pagine dello stesso, mentre la parte tecnico-informatica è stata demandata a una consulente esterna, con cui è stato concordato un compenso di 2.000 euro. La differenza trova la sua ragion d’essere nell’attività svolta dai volontari dell’Armanàc, che, tramite il loro impegno, hanno consentito da un lato di contenere i costi complessivi legati alla ricerca e alla preparazione della documentazione relativa ai diversi aspetti locali (storia, paesaggio, fruizione del territorio ecc.), dall’altra di generare un apprezzabile incremento delle disponibilità finanziarie dell’associazione, essenziali per poter realizzare altre meritevoli iniziative.  L’incarico proseguirà anche del 2016, con un contributo comunale pari a 1.700 euro, già erogato a fine 2015.

Per quanto concerne la presenza di pubblico agli incontri serali, si può rilevare che la partecipazione è stata nel complesso discreta. Rispetto gli anni passati, si è cercato di realizzare un programma stagionale dei diversi appuntamenti, in modo da fissare le date con discreto anticipo. Nonostante questa nostra attenzione, va però segnalata la frequente sovrapposizione delle serate con altre iniziative (circostanza evitabile con un minimo di attenzione), che ha talvolta ridotto in modo apprezzabile il numero di presenze.

Analogamente dicasi per quanto riguarda le attività all’aria aperta (camminate): il numero di partecipanti si è assestato su livelli inferiori rispetto ai primi anni, ma è pur sempre apprezzabile. Pure in questo caso va segnalata la sovrapposizione con iniziative analoghe organizzate da altri Enti e Associazioni, che ha obiettivamente “inflazionato” questo tipo di attività.

Per quanto concerne l’attività del Consiglio Direttivo, si segnala una certa disaffezione alle iniziative sociali da parte di alcuni membri dello stesso (benché nominati all’inizio dell’anno), che hanno raramente partecipato alle decisioni associative o presenziato alle serate. Un aspetto che va rimarcato anche quest’anno riguarda la non equa suddivisione dei compiti all’interno dell’associazione tra i diversi soci, con conseguente accumulo di troppi impegni su poche persone.

Facendo ora riferimento agli aspetti più strettamente contabili, si possono evidenziare i seguenti punti:

-   un’adesione di 44 soci effettivi;

-   la citata assegnazione di un contributo di 2.800 euro da parte del Comune di Santhià, finalizzato alla creazione e alla gestione del sito www.santhiaturismo.it e quasi interamente utilizzato per compensare la collaboratrice (esterna all’associazione) che ha svolto l’incarico; come detto, l’analogo contributo di competenza del 2016 risulta pari a 1.700 euro, ed è già stato erogato a fine 2015, per cui risulta inserito come entrata nel bilancio corrente;

-  un consolidamento delle spese correnti e l’assenza di costi di tipo patrimoniale;

-   la piena copertura dei costi relativi alla realizzazione del calendario del 2016, grazie alle offerte degli sponsor e alla presenza di alcune contribuzioni volontarie.

A fine 2015 la dotazione finanziaria netta (saldi di cassa e banca) ammonta a circa 4.000 euro, superiore di circa 2.400 euro rispetto alle disponibilità di inizio anno. (Si tenga però conto del fatto che il contributo comunale di 1.700 euro ricevuto a fine anno è vincolato all’aggiornamento del sito nel corso del 2016).

Attività previste nel corso del 2016

Anche nel nuovo anno verranno organizzate alcune camminate alla scoperta del nostro territorio (eventualmente in collaborazione con altre associazioni). Proseguiranno altresì le serate in biblioteca, benché presumibilmente meno frequenti rispetto a quelle realizzate nel 2015. L’auspicio di fondo è che, avvalendosi della collaborazione di altre associazioni (come “La Voce”), sia possibile distribuire meglio gli impegni tra i componenti del Direttivo.

Un obiettivo confermato è di realizzare nuovamente il calendario, con le stesse modalità adottate nell’ultimo anno. Naturalmente ogni nuova proposta avanzata dai componenti del consiglio direttivo sarà ben accetta, con l’indicazione che ciascun proponente si occupi dell’attività in tutte le sue fasi.

In conclusione si può ribadire che anche l’esercizio che si è appena chiuso è stato ricco di iniziative sociali. I risultati ottenuti sono stati possibili grazie all’Amministrazione Comunale, che ha sempre concesso l’utilizzo della Biblioteca Civica, sia per le serate aperte al pubblico che per le attività del gruppo fotografico, al Centro Servizi per il Volontariato di Vercelli, che ha sempre provveduto alla stampa gratuita di volantini e locandine delle numerose serate, all’associazione VOBIS della Biblioteca, che ha garantito la fruizione dei locali della biblioteca, ai collaboratori delle diverse testate locali che hanno sempre prestato una pregevole attenzione per le attività svolte, offrendo loro degno risalto sulle pagine da loro curate.

Alla presente relazione si allega la prima nota dei movimenti finanziari del 2015, insieme al bilancio consuntivo 2015 e a quello preventivo 2016.

Ringraziando per l’attenzione, si porgono a tutti i nostri più calorosi saluti.

Il Segretario                                                                         Il Presidente

(Mario Matto)                                                                       (Gianpaolo Falletti)

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.