Sabato 25 giugno, presso la Biblioteca Civica di Santhià, alle ore 10.30 si terrà infatti un nuovo aperitivo letterario che vedrà come protagonista Umberto Napolitano, cantante di successo degli anni ’70-’80 e collaboratore di grandi musicisti italiani. L’autore presenterà in anteprima la sua ultima fatica musical-letteraria Il Bruco – Il risveglio della crisalide.


Napolitano, classe 1947, nasce prima di tutto come cantautore la cui carriera inizia con Chitarre, brano di protesta contro la guerra; scrive poi per il Festival di Sanremo ll cammino di ogni speranza, canzone proposta da Caterina Caselli. Partecipa inoltre a vari programmi come Un disco per l’estateSettevociFestivalbar 1978, proseguendo poi la sua attività principalmente come autore, scrivendo per artisti del calibro dei Nomadi e Loredana Berté. Dagli anni ’80 si assiste ad un rallentamento della sua attività artistica ripresa solo nel 2012 nel programma musicale MilleVoci di Gianni Turco, nel quale presenta il brano Volerò, dedicato a valori che si sono persi nel tempo.

Esattamente dopo 25 anni, Napolitano torna alla ribalta eccezionalmente anche a Santhià, proprio in occasione della presentazione del libro presso la libreria Mondadori di Vercelli e del concerto in piazza Cavour, durante il quale presenterà il nuovo CD.

Il bruco, come dice lo stesso Napolitano “è l’immagine di noi che spesso siamo costretti a mostrare agli altri per sopravvivere, mentre la farfalla che vive prigioniera vorrebbe uscire dalla sua crisalide e librarsi libera nel mondo”. Nel libro parla proprio di vari personaggi che abbandonano il loro bozzolo mentre nel cd album è l’autore stesso che, dopo un quarto di secolo di rassegnata e voluta costrizione, si risveglia e si rimette in pista con le sue sole forze, per usarle al meglio.

Dopo la presentazione di Napolitano, che eseguirà naturalmente anche brani dal vivo, ci sarà un conviviale aperitivo a conclusione delle attività delle Associazioni.

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.