Camminata 150+1, 18 Marzo

In occasione dell’assemblea nazionale della Rete dei Cammini

Domenica 18 marzo è in programma la prima camminata del 2012 organizzata da Compagnia dell’Armanac e dagli Amici della Via Francigena della città di Santhià e abbinata all’assemblea nazionale della Rete dei Cammini, che si tiene a Santhià, presso la sala consiliare, in municipio, sabato 17 marzo, a partire dalle 15.30. La Rete dei Cammini è un’associazione che riunisce diverse associazioni che si occupano a livello nazionale di cammini. Gli Amici della Via Francigena di Santhià ne fanno parte, e si sono spesi per poter ospitare al meglio l’evento. In occasione dell’assemblea, aperta a tutti, verrà illustrato il progetto di collaborazione con il Touring Club Italiano a proposito della qualità dei cammini: Santhià è il primo luogo in cui se ne parlerà ufficialmente.Questa volta la meta è Leri Cavour, luogo in cui ha vissuto uno dei nostri padri della patria. L’idea è di celebrare ancora l’Unità d’Italia, tanto festeggiata l’anno scorso quanto già dimenticata oggi, e la scelta della data non è casuale: il 18 marzo 2012 cade esattamente ad un anno e un giorno dopo il 150° anniversario, da qui il nome “Camminata 150+1”.La camminata è di circa 20 km.
Dopo aver attraversato Tronzano e Carpeneto, percorrendo strade secondarie si arriva alla tenuta Colombara, presso la quale si fa la sosta per il pranzo organizzato dalla Pro Loco di Livorno. Dopo una breve visita alla cascina, si riprende a camminare fino a Leri Cavour, in cui ha termine la camminata.
Per celebrare al meglio la giornata è stato previsto uno speciale annullo filatelico, che potrà essere apposto sulle due cartoline celebrative della camminata. Durante il pomeriggio del sabato sarà possibile reperirlo presso lo stand mobile delle Poste Italiane davanti al comune di Santhià. I camminanti che sabato non partecipano all’assemblea, lo potranno invece trovare domenica al momento dell’iscrizione.
L’intera manifestazione è stata realizzata con il sostegno determinante dell’amministrazione comunale di Santhià, che intende promuovere sempre di più la valenza turistica della tappa santhiatese di Sigerico lungo la via Francigena e della ricchezza storica e paesaggistica del territorio.

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.