A piedi al Borgo

Domenica 21 ottobre è prevista una camminata attraverso la campagna che si stende tra Santhià e Borgo d’Ale. Si tratta di un percorso perlopiù pianeggiante, lungo circa una quindicina di chilometri, che si svolge interamente su strade di campagna per nulla trafficate, e per la maggior parte sterrate.

Il ritrovo dei camminanti è fissato per le ore 8.00 in piazza Roma a Santhià, mentre la partenza è prevista per le 8.30. Con le montagne sullo sfondo, si comincia a camminare lungo stradine in mezzo a campi di granturco, fino a superare l’autostrada Torino-Milano; da qui in avanti il paesaggio cambia, e cominciano a spuntare i campi delle piante da frutto, soprattutto kiwi e peschi, via via sempre più numerosi. Elemento di interesse sono i vari canali artificiali che si attraversano (Naviglio d’Ivrea, Canale De Pretis, Navilotto della Mandria), necessari per l’approvvigionamento idrico dei campi coltivati.

Attorno alle 12.30 si giunge a destinazione, Borgo d’Ale. Qui è fissato il pranzo, che si terrà nei locali dell’agriturismo “San Michele sulla Via Francigena”. Al termine, attorno alle 14.15, è prevista un’appendice della camminata, si continua, sempre su stradine di campagna, alla volta della chiesa di Clivolo. La distanza è di circa 4 chilometri.

Il ritorno non è organizzato, ma avverrà con mezzi propri. Per chi ne avesse bisogno sono comunque alcuni posti per il rientro in automobile. La camminata si svolgerà con qualsiasi condizione atmosferica. Ogni partecipante regolarmente iscritto sarà fornito di assicurazione per tutta la durata dell’evento.

La camminata è organizzata dalla Compagnia dell’Armanac, con il patrocinio del comune di Santhià e la collaborazione degli Amici della Via Francigena di Santhià.

È obbligatoria l’iscrizione entro giovedì 18 ottobre. Per informazioni ed adesioni telefonare a Gianpaolo Falletti – 349/1439759, oppure mandare un’e-mail ad uno dei seguenti indirizzi: info@armanac.itgianpaolo.falletti@tiscali.it

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.