Camminando da Santhià a Dorzano

Con l’arrivo prossimo della primavera, si riprende a camminare lungo le strade che attraversano il territorio attorno a Santhià.

La prima camminata dell’anno organizzata dalla Compagnia dell’Armanac è prevista domenica 17 marzo,  e si svolge su un percorso di poco più di 10 chilometri, lungo strade secondarie perlopiù sterrate, passando dalla pianura alle dolci colline a ridosso della Serra.

Come già nelle altre occasioni, si evitano le strade trafficate, cercando di scoprire angoli sperduti anche se vicini a noi. Il percorso, studiato appositamente per questa camminata, è in gran parte nuovo, mai toccato nelle precedenti camminate. Senza rovinare l’effetto sorpresa, si anticipa che si passerà vicino al Brianco.

L’orario di ritrovo è fissato alle 8.30 in piazza Roma a Santhià (Vercelli), vicino al locale ostello della Via Francigena, e si parte alle 9.00. L’arrivo è previsto alle 12.45 in centro a Dorzano, piccolo e ridente comune in provincia di Biella, e a seguire ci sarà un gran pranzo organizzato dalla Pro Loco presso il centro polivalente.

La camminata è organizzata dalla Compagnia dell’Armanac congiuntamente al Comune ed alla Pro Loco di Dorzano, in collaborazione con gli Amici della Via Francigena di Santhià e con la Rete dei Cammini, ed è patrocinata dal Comune di Santhià.

La camminata si svolgerà con qualsiasi condizione atmosferica. Ogni camminante sarà coperto da assicurazione contro gli infortuni. Per informazioni ed adesioni telefonare a Gianpaolo Falletti (349-1439759), oppure mandare un’email a gianpaolo.falletti@tiscali.it oppure a segreteria@armanac.it

Gli organizzatori vi aspettano numerosi!

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.