Note su Note…

Venerdì 22 e Sabato 23 Marzo

Tutto pronto per la celebrazione del centenario della nascita del maestro Eugenio Sacchetti e l’intitolazione della piazza al compositore Giovanni Carisio

“Note su Note” si intitola la manifestazione di due giorni per celebrare i cento anni del Maestro Eugenio Sacchetti, capostipite di tre generazioni di musicisti santhiatesi,: Arturo Sacchetti, il figlio, celebre organista, musicologo e direttore d’orchestra, e il promettente nipote, ancora Eugenio, violinista ed organista, spesso sul palco insieme alla madre, la valente pianista Natalia Kotsioubinskaia.

Nell’ambito delle celebrazioni è stata inserita la cerimonia di intitolazione di una piazza rimasta finora senza nome ufficiale, detta “degli artisti”, in quanto i muri circostanti ospitano alcune opere di pittori che anni fa furono invitati a lasciare una traccia del loro passaggio. La piazza sarà dedicata al compositore santhiatese del Seicento, Giovanni Carisio, che proprio il maestro Arturo Sacchetti ha rispolverato, pubblicandone la bibliografia.

La manifestazione è organizzata dall’Amministrazione comunale, in stretta collaborazione con l’Accademia musicale Giovanni Carisio diretta da Arturo Sacchetti, con il sostegno dell’associazione La Voce e con il patrocinio della Provincia.

Il programma delle celebrazioni, a cui tutta la popolazione è caldamente invitata, prende avvio venerdì 22 marzo alle ore 16,30, presso l’Auditorium San Francesco, con una rievocazione della figura del maestro che si concluderà, come di solito si usa dalle nostre parti, con una abbondante panissa innaffiata da buon vino. Sabato 23, alle ore 10, in piazza Roma, ci sarà il ritrovo delle associazioni accompagnate dalla Banda Musicale Cittadina, che fu diretta per diversi anni da Eugenio Sacchetti senior, e dal corpo dei Pifferi e Tamburi, nel quale milita Eugenio Sacchetti junior.

Alle 11, alla presenza delle autorità e con la benedizione impartita dal parroco , sarà intitolata la piazza a Giovanni Carisio.

La celebrazione si concluderà alla sera del sabato, ancora presso l’Auditorium alle ore 20,45 con un concerto di musica classica per violino e pianoforte eseguito naturalmente dal giovane Eugenio Sacchetti (violino) e dalla madre, Natalia Kotsioubinskaia (pianoforte). Seguirà un rinfresco. L’ingresso è libero.

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.