SBIRIULA’: Un taxi… un po’ così

Sabato 16 Marzo, Auditorium di Santhia’, ore 21

 Commedia brillante in 2 atti di Ray Cooney – ingresso libero
Gli Sbiriulà sono lieti di presentare al loro amato pubblico, in occasione del decennale dalla fondazione, una brillante commedia dal titolo “‘Un taxi … un po’ così” di Ray Cooney, che andrà in scena a Santhià, sabato 16 marzo 2013, alle ore 21 presso l’Auditorium ‘S. Francesco’, con ingresso libero e regia della compagnia.
Nonostante il lungo periodo di assenza, non mancheranno di certo le risate, com’è ormai d’abitudine. Infatti la la pièce, ambientata nella Torino dei giorni nostri, narra le vicende di un tassista che ha organizzato i suoi orari in maniera tale da riuscire a mantenere due mogli felici, senza che l’una sospetti minimamente dell’altra. Un banale incidente d’auto, a causa del quale viene ricoverato in ospedale, fa sì che le due donne si incrocino e da qui partano gli equivoci che reggono tutta la commedia, uniti alla presenza di un amico di famiglia rompiscatole, un inquilino che sta al piano di sopra ‘un po’ così’ e due rappresentanti della legge alquanto bizzarri.
Gli interpreti sono: AliceAnnovazzi, Renato Gialluca, Elena Gramaglia, Daniele Inocco, Fabio Mazzarino, Paolo Ranghino e Domiziana Spinelli.

‘Gli Sbiriulà’ intendono ringraziare in primo luogo l’Amministrazione Comunale, per la solerte attenzione dimostrata a favore della compagnia, l’Associazione Popolare e l’Associazione Culturale ‘La Voce’nelle persone di Renzo Bellardone e Maria Giudici per i preziosi consigli e il preziosissimo aiuto e tutti coloro che hanno contribuito, in un modo o nell’altro, all’organizzazione della serata. E per sapere comefiniranno le mille peripezie del povero taxista … non resta che andarli a vedere.

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.