Camminata Vercelli-San Germano

Domenica 4 maggio è prevista una nuova camminata organizzata dagli Amici della Via Francigena di Vercelli e dagli Amici della Via Francigena di Santhià.

In occasione della VI Giornata Nazionale dei Cammini Francigeni e dell’VIII Festival della Via Francigena di Vercelli, si camminerà da Vercelli a San Germano, e per chi lo vorrà nel pomeriggio si proseguirà fino a Santhià.

La camminata si svolgerà sul percorso della Via Francigena. Il ritrovo è fissato alle 8.00 nel piazzale davanti alle piscine del rione Concordia a Vercelli, mentre la partenza è prevista attorno alle 8.30. Camminando in mezzo alle risaie come i pellegrini che vanno da Roma a Canterbury, si arriverà a San Germano attorno alle 13. Qui è previsto un pranzo conviviale realizzato grazie all’interessamento del comune di San Germano.

Nel pomeriggio chi è intenzionato può concludere la camminata continuando a piedi sino a Santhià. La camminata si svolgerà con qualsiasi condizione atmosferica. Ogni partecipante regolarmente iscritto sarà fornito di assicurazione contro gli infortuni. L’iscrizione è obbligatoria, per farla bisogna telefonare a Franco Conti (340-8052277) o a Gianpaolo Falletti (349-1439759), oppure mandare un’email a corneliafranco@tiscali.it, gianpaolo.falletti@tiscali.it oppure info@santhiasullaviafrancigena.it.

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.