Camminata Santhià-Dorzano

Sabato 22 novembre è in programma l’ultima camminata del 2014 organizzata dalla Compagnia dell’Armanac. La meta di questa camminata crepuscolare è Dorzano, che verrà raggiunta attraverso strade secondarie.

Con questa camminata si conclude il programma delle camminate 2014. In attesa di svelare il programma per il 2015, si cammina verso Dorzano, camminando su strade secondarie. Il percorso è diverso da quello della prima camminata del 2013, che aveva visto i partecipanti procedere sotto una fitta nevicata. Chissà come sarà il meteo sabato 22…

Come detto, si tratta di una camminata verso il crepuscolo. Il ritrovo è infatti fissato in piazza Roma alle 14, e la partenza prevista alle 14.30. L’arrivo a Dorzano è previsto attorno alle 17.30, dove i camminanti saranno accolti dagli amici del comune di Dorzano. Qui è prevista una piccola merenda per riscaldare e rifocillare chi ha camminato durante il pomeriggio.

Per informazioni ed adesioni telefonare al 349-1439759 (Gianpaolo Falletti) oppure mandare un’e-mail a gianpaolo.falletti@tiscali o a armanac.info@armanac.it . L’iscrizione è obbligatoria e va fatta entro giovedì 20 novembre. Ogni partecipante regolarmente iscritto sarà fornito di assicurazione contro gli infortuni per la durata dell’evento. La camminata si svolgerà con qualsiasi condizione atmosferica.

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.