Dall’Italia al Kazakistan in velocipede

Martedì 21 aprile, alle ore 21 è in programma una nuova serata in Biblioteca Civica di Santhià, organizzata dal comune di Santhià in collaborazione con la Compagnia dell’Armanac. Protagonista della serata è Adalberto Cravero, che racconterà il suo viaggio in velocipede che farà dall’Italia al Kazakistan.

Adalberto Cravero, risiedente a a Cavaglià,  sarà a 76 anni il più anziano iscritto al Sun Trip da Milano ad Astana, capitale del Kazakistan. Martedì sera presenterà il progetto di questa sua strabiliante avventura, esponendo il velocipede che si è costruito da solo. Nel corso della serata verranno inoltre proiettati immagini di viaggi simili realizzati dai suoi compagni francesi appartenenti all’associazione Sun Trip, che si occupa della promozione di viaggi ecosostenibili con mezzi sospinti da energia fotovoltaica. L’edizione 2015, che partirà il 6 giugno dall’Expo di Milano, vedrà  la partecipazione di 43 partecipanti in libera corsa, tra i quali ci saranno due italiani (Adalberto Cravero ed il giovane salernitano Antonio de Chiara). La prima edizione invece si è svolta due anni fa con la partecipazione di 31 temerari, 20 dei quali hanno avuto la gioia di raggiungere il traguardo.

La serata, fortemente voluta dall’amministrazione comunale, è un’occasione speciale per vedere il mondo da una prospettiva diversa. Adalberto Cravero è un personaggio straordinario, che va sicuramente conosciuto e ammirato.

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.