Camminata Santhià-San Damiano

Domenica 26 aprile è prevista la nuova camminata organizzata dalla Compagnia dell’Armanac, in quest’occasione in collaborazione con l’Avis di Santhià. Meta di giornata è il borgo di San Damiano, una piccola isola incastonata nel mare delle risaie.Il ritrovo è fissato alle 8.30 in piazza Aldo Moro (NON in piazza Roma), e la partenza prevista attorno alle 9.00. Si camminerà nella campagna tra Santhià e Carisio lungo stradine secondarie, perlopiù sterrate. L’attraversamento della collina di Carisio verrà fatto su strade sconosciute ai più. All’arrivo a San Damiano è previsto il consueto pranzo conviviale e a seguire la visita guidata della frazione, organizzata dalla Pro Loco locale.

La camminata è una riproposizione di un’altra analoga effettuata 5 anni fa, su un percorso differente. Per chi c’era l’occasione di ripetere una bella giornata a piedi, per chi non c’era è la possibilità di conoscere un piccolo angolo del nostro bel territorio.

La camminata si svolgerà con qualsiasi condizione atmosferica. Ogni camminante regolarmente iscritto sarà dotato di assicurazione contro gli infortuni per la durata dell’evento.
L’iscrizione è obbligatoria e va fatta entro giovedì 23 aprile, telefonando a Gianpaolo Falletti (349-1439759), o a Mirella Garzolino (333-6300910), o alla sede Avis (0161-923401), oppure mandando un’email a gianpaolo.falletti@tiscali.it oarmanac.info@armanac.it
Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.