Camminata a Carisio

Sabato 18 luglio è in programma una nuova camminata proposta dalla Compagnia dell’Armanac, l’ultima prima della pausa estiva. Questa volta si cammina a Carisio, in occasione della festa del paese, lungo un percorso ad anello vicino all’Elvo.

Sarà una camminata serale, per sfuggire alla canicola estiva che contraddistingue quest’estate 2015. Il ritrovo è fissato nel piazzale dove si trovano gli stand della festa, di fianco al campo sportivo di Carisio, alle ore 17, mentre la partenza è prevista attorno alle 17.30. Il percorso è ad anello, si cammina lungo gli argini del torrente Elvo e la campagna circostante, per la quasi completa maggioranza su comode strade sterrate. La lunghezza della camminata è di circa 12 km, e ci saranno larghi tratti in ombra. Poiché non si troveranno fontanelle, si consiglia ai partecipanti di portare con sé abbondante acqua. A seguire è prevista una cena conviviale presso gli stand della festa, grazie alla collaborazione della Famija Carisina che ci riserva degli spazi.

Per partecipare alla camminata è necessario iscriversi entro giovedì 16 luglio. Per informazioni ed iscrizioni telefonare a Gianpaolo Falletti (349-1439759) oppure mandare un’email a gianpaolo.falletti@tiscali.it o a armanac.info@armanac.it. Ogni camminante regolarmente iscritto sarà dotato di assicurazione contro gli infortuni per la durata dell’evento. La camminata si svolgerà con qualsiasi condizione atmosferica.

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.