Adalberto Cravero al Sun Trip 2015

Martedì 22 marzo, alle ore 21.00, presso la Biblioteca Civica di Santhià, riprendono i consueti appuntamenti promossi dalla Compagnia dell’Armanac. Protagonista della serata è Adalberto Cravero, che racconterà la sua esperienza in velocipede a propulsione solare da Milano ad Antalya (Turchia) e ritorno.

Circa un anno fa, il 21 aprile 2015, Adalberto Cravero, classe 1939, è venuto ad illustrare in Biblioteca l’avventura che avrebbe compiuto da lì a pochi giorni: un viaggio in velocipede a propulsione solare all’interno della seconda edizione della competizione Sun Trip.

Il Sun Trip ha previsto la partecipazione di concorrenti di varie nazionalità alla guida di mezzi (biciclette e velocipedi) a propulsione solare, su un percorso libero tra Milano e Antalya (Turchia) e ritorno. Ogni partecipante infatti aveva la possibilità di scegliere il proprio percorso, con l’obbligo però di seguire alcune indicazioni: seguire un itinerario diverso tra andata e ritorno, non percorrere le gallerie, presentarsi ai due punti di controllo in Cappadocia e ad Antalya, e così via.

Adalberto Cravero aveva promesso l’anno scorso di ritornare da noi per illustrare il suo strabiliante viaggio, e così ha accettato molto volentieri il nostro invito di quest’anno. Attraverso il suo entusiasmante racconto, e con l’ausilio di numerose foto scattate nel corso del viaggio, Cravero ci illustrerà come è andata, cosa ha provato e cosa ha vissuto nel corso di questi mesi.

La serata è organizzata dalla Compagnia dell’Armanac , in collaborazione con La Voce e Vobis.

Per ulteriori informazioni e curiosità, potete visitare il sito http://thesuntrip.com/route-2015/

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.