Serata archeologica

Martedì 19 aprile, alle ore 21, presso la Biblioteca Civica di Santhià, ecco un nuovo appuntamento promosso dalla Compagnia dell’Armanac. Questa sera si parlerà della zona archeologica di Santhià, e più precisamente dei nuovi ritrovamenti e delle nuove indagini: dopo il successo della serata di settembre, i relatori presenti in questa serata illustreranno le novità di questi ultimi mesi.

I relatori della serata saranno la dottoressa Elisa Panero, funzionario per il Vercellese della Soprintendenza Archeologica del Piemonte, la dottoressa Margherita Roncaglio de “ Lo Studio ” coordinatrice degli archeologi, e la dottoressa Debora Angelici e il dottor Fulvio Fantino dell’Università di Torino, che si sono occupati delle analisi archeometriche. La possibilità di avere relatori tanto qualificati si deve all’interessamento di Pier Emilio Calliera, che ha collaborato attivamente nel corso di questi scavi. Scavi che hanno portato alla luce una realtà straordinaria, che merita di essere raccontata e condivisa con il pubblico santhiatese.

La serata è organizzata dalla Compagnia dell’Armanac in collaborazione con la Voce e la Vobis, e con il patrocinio del comune di Santhià, sempre molto attento e partecipe in occasioni di questo calibro. L’ingresso alla serata è gratuito.

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.