Martedì 7 febbraio, alle ore 21.00, presso la Biblioteca Civica di Santhià, è previsto un nuovo appuntamento organizzato dalle associazioni culturali “Compagnia dell’Armanac”, “Vobis” e “La Voce”Paolo Autino presenterà il suo brillante romanzo, “Il Mondo Finisce al Caffè Torrefazione”.
La serata sarà intervallata dalle letture di Licia di Pillo, che scandiranno con ironia il tempo descritto nel romanzo.
L’opera, edita da Cinquemarzo, ha ottenuto un importante riconoscimento, vincendo la XIX edizione del Premio letterario “L’incontro” ed è stata recensita da numerose testate giornalistiche, dopo aver riscosso unanimi consensi anche grazie al verismo del racconto.
Il romanzo è ambientato a Vercelli e nei paesi del Vercellese, sul finire degli anni ’70. Nell’atmosfera della piccola provincia piemontese, in una sera del 1977, si incrociano e si compiono tragicamente le storie di diversi personaggi: giovani teppisti, tracotanti e arrabbiati col mondo, adolescenti inetti e frustrati, adulti inadeguati. La vicenda trasuda di un’umanità variopinta, cinica e un po’ gaglioffa, tragica ma anche comica, costretta a fare i conti con i propri limiti e con l’impossibilità di sfuggire a ciò che si è. Un racconto drammatico e paradossale, che si snoda all’ombra del Caffè Torrefazione, a Vercelli, là dove finisce il mondo.
Seppur la storia narrata in questo libro sia di per sé tragica, il racconto è sviluppato con dinamicità e leggerezza, con momenti di totale ironica comicità. Si racconta di uno strano poliziotto d’animo buono, ma ubriacone e di un ‘Fantino’ tanto religioso quanto smemorato che insieme cercheranno di… beh, lo saprete se verrete alla presentazione.

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.