Il Cammino Minerario di Santa Barbara

Martedì 9 gennaio alle ore 21,00 presso la Biblioteca Civica di Santhià, è in programma un nuovo incontro organizzato dalle associazioni Compagnia dell’Armanac, La Voce, Vobis, in collaborazione con il Comune di Santhià: protagonista della serata sarà il Cammino Minerario di Santa Barbara (Sardegna), raccontato per immagini scattate durante un pellegrinaggio nel luglio 2017 dal nostro socio Gianpaolo Falletti.Il cammino di Santa Barbara è un percorso ad anello di circa 400 km che si snoda tra Iglesiente, Sulcis e Guspinese (sud-ovest della Sardegna) e tocca i principali siti del Parco Geominerario riconosciuto dall’Unesco. Ha un’origine recente, è stato messo a punto da pochi anni, ma è già interamente segnato, mappato e georeferenziato. Si cammina in zone splendide dal punto di vista sia naturalistico che storico, passando attraverso numerosi luoghi minerari dislocati tra la costa e l’entroterra. Il cammino è gestito dall’omonima fondazione, che racchiude una ventina di comuni,  due diocesi e l’associazione Onlus Pozzo Sella, esempio lungimirante di collaborazione e sinergia per la valorizzazione comune del territorio.

Nel luglio 2017, il nostro socio, supportato da Giampiero Pinna, presidente della fondazione e ideatore del Cammino, ha percorso questo cammino nella sua interezza, e le fotografie scattate durante il pellegrinaggio verranno proposte nel corso di questa serata.

Per maggiori informazioni su questo meraviglioso cammino visitate il sito http://www.camminominerariodisantabarbara.org/it/index.html

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.