Lezioni di letteratura con sommo divertimento

Corso di letteratura

Cari Amici della Compagnia dell’Armanac,
una nuova iniziativa prende il via MERCOLEDI’ 14 Febbraio alle ore 17,30 presso la Biblioteca di Santhià per ben 7 mercoledì, con cadenza quindicinale.

Si tratta di costituire una sorta di Circolo dei lettori con una introduzione agli autori, alle loro opere e al loro inquadramento nel panorama culturale e sociale in cui hanno vissuto a cura del sottoscritto e con mirabile interpretazione di alcuni brani da parte di Umberto Bolzon che, da alcuni anni, si sta perfezionando, anche con l’aiuto di professionisti, in questa arte. Insomma, una sorta di teatro minimalista che renderà leggero e divertente l’apprendimento.

Tra l’altro, ricordo che Bolzon, ha trovato da tempo entusiasti sostenitori presso i piccoli studenti delle scuole elementari santhiatesi con l’interpretazione di alcuni brani di famosi testi adatti alla loro età.

Nel corso di queste “Lezioni di letteratura con sommo divertimento“,  ovviamente dato spazio alle vostre domande e ai vostri commenti per un accostamento proficuo ad alcuni classici.

In questa prima serie tardo pomeridiana (ma non escludiamo in futuro di estendere o spostare l’esperienza ad altri giorni e orari secondo le esigenze dei più) saranno affrontati Luigi Pirandello, Cesare Pavese, Beppe Fenoglio, Mario Rigoni Stern, Jhon Fante, Gabriel Garcia Marquez e George Orwell..

Non mancate!

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.