24 febbraio, aperitivo letterario

Ama definirsi una “lavoratrice socialmente utile”. Con le sue opere vuole smuovere le coscienze e invitare l’essere umano alla riscoperta dello stupore di fronte alla vita, allontanandosi da smartphone e centri commerciali.

La scrittrice Barbara Appiano, ha presentato,  venerdì 26 gennaio, nella sede del Circolo dei Lettori di Torino, il suo nuovo libro “Umanità Anno Zero” (Fondazione Mario Luzi Editore) – unitamente ad un Manifesto dal quale trarre spunto per la creazione di un film documentario tratto dal medesimo libro , ritenuto di formazione al pari de “il piccolo Principe” e “Pinocchio”.

Ora la Appiano, residente a Santhià, ma di origine torinese, presenterà “UMANITA’ ANNO ZERO” a Santhià, durante un aperitivo letterario presso la Biblioteca civica il 24 febbraio 2018 alle ore 10.30, mentre la prossima tappa di Umanita’ Anno Zero sara’ Roma.
Durante la presentazione, l’autrice leggerà anche un documento intitolato  “Lettera aperta a Sua Maestà la Plastica” già apparsa  su testate online nazionali, punto di partenza e arrivo per illustrare il romanzo che  toccherà i temi dell’inquinamento, della salvaguardia della natura, degli animali e della plastica e relativa sua immortalita’…sevenpress.com,primapaginanews-ppn.com e altri.
“Umanità Anno Zero” è una carovana di personaggi che agisce fra visioni oniriche e dimensione concreta del mondo, esplorando il cuore vivo dell’esistenza. Un romanzo che nella prefazione lo stesso Leombruno, presidente della casa editrice FONDAZIONE MARIO LUZI EDITORE, paragona al Piccolo Principe di Saint Exupery e alle favole di Pinocchio. La protagonista del romanzo è l’elefantessa Araba, liberata dal circo in cui è rinchiusa da Calypso, un bimbo profugo siriano. Insieme con loro ci sono Benjamin, Gonzalo e Blasdemetrio, tre bambini sopravvissuti alla guerra civile di El Salvador.

Appiano, durante l’appuntamento di venerdì  26 gennaio 2018 al Circolo dei Lettori (Palazzo Granieri dela Rocca, sala lettura n.5)  ha lanciato – e rilancerà a Santhià, durante l’aperitivo letterario,  l’idea di trasformare la storia del libro in un film, alla difesa del nostro amato pianeta e di tutti gli esseri viventi che la abitano.I capitoli del libro potranno essere in qualche modo “adottati”: in questo modo ognuno potrà avere un genitore “adottante” per affinità di contenuto, che sarà chiamato a parlare con l’elefante destinato a diventare l’anima del film. Insieme al romanzo sarà presentato anche il Manifesto Cuturale (https://www.change.org/p/petizione-contro-gli-sfruttatori-dei-simboli-che-rappresentano-gli-animali-emiflex-non-e-pubblicita-in-buca-e-l-umanita-in-fuga) basato sui capitoli del libro, con un appello ai movimenti ambientalisti, animalisti e a tutti gli esseri umani sensibili al tema, per il finanziamento di un film documentario, ispirato al libro, in difesa del pianeta terra e degli animali in estinzione.

“Umanità Anno zero – afferma l’autrice – ha avuto numerosissime recensioni e visualizzazioni online nel merito del manifesto che l’autrice ha scritto elencando i punti e i capitolo del libro come capisaldi per la trama del film-documentario, ottenendo in un giorno ben 75.173 visualizzazioni.rif.  www.popolis.itwww.politicamentecorretto.com. , twitter@barbaraappiano.
Dunque il tema della difesa della  natura è un tema che sta a cuore a tutti gli italiani , un tema che in un epoca di disvalore riaccomuna coloro che sono animati da empatia verso questo mondo da salvare ad ogni costo. UMANITA’ ANNO ZERO perchè lo zero è il numero su cui ripartire con un nuovo inizio , dopo lo zero tanti numeri , quelli dei lettori.”
l’Autrice devolve parte dei ricavati dei suoi libri alla Pengo Life Project, una onlus che opera nel campo della sensibilizzazione verso il problema del bracconaggio dell’elefante africano e del rinoceronte nero e bianco a rischio di estinzione. Ogni 15 minuti in Africa viene abbattuto un elefante per il commercio dell’avorio. Barbara Appiano, produttrice di cultura, lavoratrice socialmente utile, ritiene che il mondo della cultura e della scrittura debba convergere verso un problema di natura universale che è la difesa della natura degli animali tutti e in particolare di due animali, l’elefante africano e il rinoceronte, che sono sulla terra da ben 60.000.000 di anni e che in mancanza di tutela e provvedimenti internazionali entro il 2025 scompariranno.

Altra fondazione molto cara all’autrice e’ I.E.O. CC.F.M Istituto oncologico Europeo e centro cardiologico Fondazione Monzino ricerca oncologica e cardiovascolare a cui l’autrice devolve parte dei ricavati dalle vendite dei suoi libri, perche’ queste due fondazioni hanno curato per 13 anni l’amatissima mamma Giovannella la Gianduiotta scomparsa nel 2015.
Per maggiori informazioni www.appianobarbara.it mail:bappiano@virgilio.it

Share

Lezioni di letteratura con sommo divertimento

Corso di letteratura

Cari Amici della Compagnia dell’Armanac,
una nuova iniziativa prende il via MERCOLEDI’ 14 Febbraio alle ore 17,30 presso la Biblioteca di Santhià per ben 7 mercoledì, con cadenza quindicinale.

Si tratta di costituire una sorta di Circolo dei lettori con una introduzione agli autori, alle loro opere e al loro inquadramento nel panorama culturale e sociale in cui hanno vissuto a cura del sottoscritto e con mirabile interpretazione di alcuni brani da parte di Umberto Bolzon che, da alcuni anni, si sta perfezionando, anche con l’aiuto di professionisti, in questa arte. Insomma, una sorta di teatro minimalista che renderà leggero e divertente l’apprendimento.

Tra l’altro, ricordo che Bolzon, ha trovato da tempo entusiasti sostenitori presso i piccoli studenti delle scuole elementari santhiatesi con l’interpretazione di alcuni brani di famosi testi adatti alla loro età.

Nel corso di queste “Lezioni di letteratura con sommo divertimento“,  ovviamente dato spazio alle vostre domande e ai vostri commenti per un accostamento proficuo ad alcuni classici.

In questa prima serie tardo pomeridiana (ma non escludiamo in futuro di estendere o spostare l’esperienza ad altri giorni e orari secondo le esigenze dei più) saranno affrontati Luigi Pirandello, Cesare Pavese, Beppe Fenoglio, Mario Rigoni Stern, Jhon Fante, Gabriel Garcia Marquez e George Orwell..

Non mancate!

Share

Novità 2018

LETTERA DEL PRESIDENTE

Cari amici della Compagnia dell’Armanàc,
vi sono alcune importanti novità di cui voglio farvi partecipe. Segue

Share

Reportage fotografico attraverso gli Stati Uniti

Proseguono le serate culturali organizzate dalla Compagnia dell’Armanàc presso la Biblioteca Civica di Santhià.

Martedì 26 maggio, alle ore 21, è prevista una nuova serata dal titolo “USA Coast to Coast”, un viaggio per immagini da New York a San Francisco, tra canyon, praterie, deserti e casinò.

Questo reportage fotografico è curato da Isabel Fassone e Simone Secchiati, fotografi vercellesi.

L’ingresso è libero. Partecipate numerosi

Con l’occasione si ricorda che presso la Biblioteca è allestita una mostra fotografica allestita dal socio Gianfranco Guidi, che può essere visitata durante il normale orario di apertura della Biblioteca, oltre che in occasione delle serate.

Share

Una donna a caccia di tornadi

Valentina Abinanti illustra la sua passione

Sabato 14 dicembre, ore 10,30, Santhià Biblioteca comunale

Appuntamento di grande interesse quello del mattino di sabato 14 dicembre, alle ore 10,30, presso la biblioteca comunale di Santhià, organizzato dalla Compagnia dell’Armanàc. Ospite speciale sarà Valentina Abinanti, tornado seeker, vale a dire, inseguitrice di tornadi.

“Dal 2007, durante la primavera, – è lei a dircelo – ogni anno mi reco nelle Grandi Pianure americane per circa un mese, per documentare temporali e tornado. Questo è  stato il 7° anno consecutivo che compio questa avventura!”

Dal 2008 svolge la medesima attività anche in territorio italiano, in particolare nel nord-ovest d’Italia, ma in situazioni significative anche in altre aree del nord.

Per poter “cacciare un temporale o un tornado”, attività che si chiama in gergo stormchasing,è necessario avere una serie di conoscenze di meteorologia che Valentina ha appreso da autodidatta tramite libri, pubblicazioni su internet e dispense universitarie. Chiaramente alla parte teorica, in tutti questi anni si è aggiunta la parte pratica di osservazione sul campo.

Durante la presentazione illustrerà in modo approfondito la sua attività, con qualche cenno didattico soprattutto riguardo a terminologie e fenomeni sui quali vi è spesso confusione (tornado/uragano/raffiche di vento).

Porterà poi esempi di “cacce” nei territori piemontesi e nelle Grandi Pianure americane e presenterà il  suo libro “Sulle strade del vento”: un bellissimo ed emozionante viaggio in compagnia dei cacciatori di temporali nelle vastità della pianure americane.

Ulteriori informazioni sul sito  www.tornadoseeker.com

Share

Un nuovo “cammino”

Si inaugura un nuovo tracciato in quattro tappe da Santhià ad Oropa

Locandina Oropa web

Prende il via da Santhià il nuovo tracciato di quello che d’ora in avanti si chiamerà il “Cammino di Oropa”. Il 4 luglio, infatti, ci sarà l’inaugurazione a Santhià, in piazza Roma, di fronte all’ostello della via Francigena, intorno alle nove e trenta, alla presenza del sindaco Angelo Cappuccio e dell’assessore alla Cultura Luigi Zai.

Si tratta di un tassello in più che si va aggiungendo al nostro impegno per la valorizzazione del territorio con nuove forme di turismo dallo stile sobrio e poco invasivo – specifica Cappuccio. – In tale contesto anche Santhià può svolgere un ruolo di riferimento importante che nel tempo porterà certamente buoni frutti”.

Dopo il via mal viaggio inaugurale, l’assessore Zai, che di recente è stato inserito nel direttivo dell’Associazione Europea delle vie Francigene, facendo di Santhià l’unico portavoce piemontese in a tale ambito, si unirà al gruppo di circa dieci persone, fra cui sei blogger, che descriveranno in tempo reale sui loro siti i momenti più salienti di questo cammino.

Per l’ultima tappa, prevista per domenica 7 luglio, l’Associazione Amici della Via Francigena di Santhià organizza un pullman per tutti da Santhià a Graglia (per l’andata) e da Oropa a Santhià (per il ritorno) al costo di 10 euro. Questo il programma dettagliato:

Programma di domenica 7 luglio:

ore 8.00 – Ritrovo in piazza Aldo Moro
ore 8.30 – Partenza per Graglia
ore 9.15 – Arrivo a Graglia e inizio della camminata
ore 13.00 (circa) – Arrivo a Oropa
ore 13.30 – Pranzo (al sacco oppure presso un ristorante)
ore 17 (circa) – Ritorno a Santhià in autobus

Le adesioni alla giornata vanno date entro GIOVEDÌ 4 LUGLIO.

Per informazioni e adesioni, telefonare a: Renzo Manuello (333.6162086)

Oppure inviare un’e-mail a: info@santhiasullaviafrancigena.it

Ogni partecipante regolarmente iscritto sarà assicurato.

La camminata si svolgerà in qualsiasi condizione atmosferica Segue

Share

Correre i deserti

Santhià, martedì 26 marzo, Biblioteca Civica, ore 21

Appuntamento d’eccezione: esperienze sportive estreme e intense sul piano umano

I protagonisti sono i tortonesi Katia Figini e Checco Galanzino, imprenditore di una nota impresa di trasformazione ecosostenibile dei rifiuti organici sita in territorio santhiatese.

Eccezionale la loro esperienza. Katia, in meno di un anno ha corso in 5 deserti per dire “No alla Violenza sulle Donne.” Il progetto, dal nome RUN FOR WOMEN, si è concluso con un record mondiale quale prima donna ad aver corso in meno di un anno quasi 1000 km in 5 continenti. Katia, dal 2010, è impegnata a portare avanti la sua battaglia per dimostrare che ciò che appare impossibile può diventare possibile: basta crederci. Trentasette anni, qualche tempo fa ha abbandonato un buon impiego a Milano, presso la casa editrice della famosa Smemoranda, per lanciarsi in una impresa che abbraccia tutto il mondo, occupando le pagine di diverse testate che hanno raccontato la sua vicenda, dal Corriere della Sera a Donna Moderna, da Repubblica a Il Messaggero a l’Avvenire, e televisioni come Rai Sport e Canale5. Segue

Share

Note su Note…

Venerdì 22 e Sabato 23 Marzo

Tutto pronto per la celebrazione del centenario della nascita del maestro Eugenio Sacchetti e l’intitolazione della piazza al compositore Giovanni Carisio

“Note su Note” si intitola la manifestazione di due giorni per celebrare i cento anni del Maestro Eugenio Sacchetti, capostipite di tre generazioni di musicisti santhiatesi,: Arturo Sacchetti, il figlio, celebre organista, musicologo e direttore d’orchestra, e il promettente nipote, ancora Eugenio, violinista ed organista, spesso sul palco insieme alla madre, la valente pianista Natalia Kotsioubinskaia.

Nell’ambito delle celebrazioni è stata inserita la cerimonia di intitolazione di una piazza rimasta finora senza nome ufficiale, detta “degli artisti”, in quanto i muri circostanti ospitano alcune opere di pittori che anni fa furono invitati a lasciare una traccia del loro passaggio. La piazza sarà dedicata al compositore santhiatese del Seicento, Giovanni Carisio, che proprio il maestro Arturo Sacchetti ha rispolverato, pubblicandone la bibliografia.

La manifestazione è organizzata dall’Amministrazione comunale, in stretta collaborazione con l’Accademia musicale Giovanni Carisio diretta da Arturo Sacchetti, con il sostegno dell’associazione La Voce e con il patrocinio della Provincia.

Il programma delle celebrazioni, a cui tutta la popolazione è caldamente invitata, prende avvio venerdì 22 marzo alle ore 16,30, presso l’Auditorium San Francesco, con una rievocazione della figura del maestro che si concluderà, come di solito si usa dalle nostre parti, con una abbondante panissa innaffiata da buon vino. Segue

Share

SBIRIULA’: Un taxi… un po’ così

Sabato 16 Marzo, Auditorium di Santhia’, ore 21

 Commedia brillante in 2 atti di Ray Cooney – ingresso libero
Gli Sbiriulà sono lieti di presentare al loro amato pubblico, in occasione del decennale dalla fondazione, una brillante commedia dal titolo “‘Un taxi … un po’ così” di Ray Cooney, che andrà in scena a Santhià, sabato 16 marzo 2013, alle ore 21 presso l’Auditorium ‘S. Francesco’, con ingresso libero e regia della compagnia.
Nonostante il lungo periodo di assenza, non mancheranno di certo le risate, com’è ormai d’abitudine. Infatti la la pièce, ambientata nella Torino dei giorni nostri, narra le vicende di un tassista che ha organizzato i suoi orari in maniera tale da riuscire a mantenere due mogli felici, senza che l’una sospetti minimamente dell’altra. Un banale incidente d’auto, a causa del quale viene ricoverato in ospedale, fa sì che le due donne si incrocino e da qui partano gli equivoci che reggono tutta la commedia, uniti alla presenza di un amico di famiglia rompiscatole, un inquilino che sta al piano di sopra ‘un po’ così’ e due rappresentanti della legge alquanto bizzarri.
Gli interpreti sono: AliceAnnovazzi, Renato Gialluca, Elena Gramaglia, Daniele Inocco, Fabio Mazzarino, Paolo Ranghino e Domiziana Spinelli.

‘Gli Sbiriulà’ intendono ringraziare in primo luogo l’Amministrazione Comunale, per la solerte attenzione dimostrata a favore della compagnia, l’Associazione Popolare e l’Associazione Culturale ‘La Voce’nelle persone di Renzo Bellardone e Maria Giudici per i preziosi consigli e il preziosissimo aiuto e tutti coloro che hanno contribuito, in un modo o nell’altro, all’organizzazione della serata. E per sapere comefiniranno le mille peripezie del povero taxista … non resta che andarli a vedere.

Share

Aldo Barosso: “I silenzi e le parole”

MARTEDI’ 12 MARZO – Biblioteca civica, ore 21

Spettacolo musicale tratto dal suo ultimo romanzo.
Ingresso libero.

“Così finì quella nottata, con la luna che guardava due piccoli uomini che a bocca aperta lasciavano correre i pensieri verso una lontana scia luminosa.”…

In omaggio, allegato al libro, il disco “I silenzi e le parole”, album composto da 15 brani che ripercorrono la linea narrativa del romanzo trasformando in musica i momenti più intensi del libro.
Share

A ruota libera

Piste ciclabili e territorio

Martedì 5 marzo, ore 21 – Biblioteca Civica Santhià

Riscoprire il nostro territorio in modo lento attraverso la possibile realizzazione di una rete di piste ciclabili.

Nel corso della serata saranno proiettate immagini di altre realtà europee già in essere attraverso un reportage amatoriale di Gabriella Cortissone. Inoltre si relazionerà sulle concrete possibilità di sviluppare un turismo lento sul nostro territorio con un intervento di Andrea Rolando del Politecnico di Milano sui progetti di mobilità lenta nei territori tra Torino e Milano e una breve sintesi dei progetti di Terre Riflesse a cura di Roberto Portinaro.

Share

Il meraviglioso mondo delle api

Da mercoledì 20 febbraio a mercoledì 17 marzo

Santhià, Biblioteca civica, ore 21

Prende il via mercoledì 20 febbraio, presso la biblioteca di Santhià, un ciclo di appuntamenti dedicato al mondo delle api e dell’apicoltura. L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Santhià, è partita da Aurelio Franchini, un apicoltore di Tronzano che punta a creare nella nostra zona un polo apistico costituito da giovani, ma non solo, che desiderino apprendere l’”arte di coltivare le api”.

Si comincia da mercoledì 20 febbraio con una serata di interesse generale, introdotta direttamente dall’assessore alla cultura Luigi Zai, che per un ventennio si è dedicato ad un consistente apiario sito sulla collina di Cavaglià. “La passione per questo favoloso mondo della natura non mi è mai passata, – confessa Zai. – Ho quindi colto al volo la proposta di Franchini di trattare questo argomento per sottolineare gli aspetti più interessanti e curiosi di questo piccolo ma significativo settore dell’agricoltura”.

“Quando scompariranno le api – pare abbia sentenziato una volta Einstein – “Anche l’esistenza dell’uomo sarà al capolinea”. E in effetti le api sono molto a rischio oggi, minacciate da nuove patologie e da trattamenti chimici che le indeboliscono enormemente. Finora, solo l’amore degli apicoltori ne ha evitato la scomparsa. Segue

Share

Indietro Voci meno recenti

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.