Il Regno d’Italia fatto dai Borboni

MARTEDI’ 26 NOVEMBRE 2019, BIBLIOTECA COMUNALE
Conferenza divertente e stimolante su una possibile Italia diversa

Gianluigi De Marchi è uno scrittore vulcanico: esperto di finanza è autore di una quarantina di volumi che trattano l’argomento, salvo quando, voltandosi indietro, ha cominciato a sviluppare un pensiero critico e a dedicarsi alla narrativa. E questa svolta lo ha portato alla fantastoria, immaginando, insieme all’amico Francesco Femia, un esito rovesciato della spedizione dei Mille: e se Garibaldi fosse stato sconfitto sul Volturno? In effetti l’esito della battaglia fu incerto fino alla fine e per poco la storia italiana non ha preso un’altra direzione. Ma quale direzione?
Partendo da questa ipotesi, che è anche una provocazione, De Marchi intratterrà con gradevole spirito affabulatorio il pubblico della Biblioteca santhiatese, sintetizzando le pagine del suo ultimo libro “Il Regno Unito d’Italia” e cimentandosi nell’immaginare scenari diversi. Scenari neanche troppo fantastici dal momento che, si sa, la storia la scrivono i vincitori un po’ come a loro meglio aggrada, ma esistono documenti che De Marchi e il suo amico utilizzano per riscriverla un po’. Ad esempio, immaginano che il primo ministro a guidare un’Italia unita retta dai Borboni sia il piemontese Massimo d’Azeglio all’insegna del motto ”Libertà, solidarietà e progresso”. E non mancano episodi di vite intrecciate, tradimenti e giochi di seduzione.

Un pretesto in definitiva per lasciare spazio ai sogni in questa Italia così tormentata e ancora economicamente assai divisa tra Nord e Sud, un’utopia che abbia la forza di spronarci a migliorare le cose, a riflettere sul presente, pur senza rinunciare al divertimento di una conferenza un po’ inusuale.

GIANLUIGI DE MARCHI
Nato a Celle Ligure (SV) 2 maggio 1944
Residente a Pino Torinese (TO) dal 1985

Consulente aziendale, specialista nell’area finanza e marketing, ha lavorato per quasi quarant’anni nel mondo della borsa e della finanza.
Dopo 10 anni passati in Borsa come collaboratore del padre agente di cambio (a Genova ed a Milano), è entrato al Banco di Roma, dove ha lavorato in vari uffici (estero, fidi, marketing) prima di diventare funzionario.
E’ stato direttore di agenzia, responsabile dell’ufficio marketing di Filiale, addetto ai fidi in direzione centrale.
Nel 1987 è passato alla FIDA come responsabile dell’ufficio studi.
Nel 1989 è entrato in Fondinvest come responsabile dell’ufficio marketing.
Dal 1990 al 1998 è stato dirigente di Saifond-SIM con il ruolo di direttore marketing e comunicazione.
Dal 1998 ha iniziato la professione di consulente finanziario indipendente.
Giornalista pubblicista, ha scritto alcune migliaia di articoli di carattere finanziario pubblicati da quotidiani (Il Sole/24 Ore, Repubblica, Corriere della Sera, La Stampa, Italiaoggi, Il Globo, CronacaQui, Corriere Mercantile), settimanali (Il Mondo, Mondo Economico, Panorama, Oggi, Borsa&Finanza, Bloomberg, La Mia Finanza), periodici (Investire, Gente Money, Capital, Pratica aziendale, Amministrazione & Finanza, Società e bilanci, Rivista di ragioneria, Il Dirigente, Il nostro budget).
Autore di una trentina di libri di carattere finanziario editi da Il Sole/24 Ore libri, Stampa alternativa, Giuffré, Pirola, Investire Libri, Buffetti, Felici e De Lillo su argomenti di carattere finanziario (fidi bancari, leasing, borsa valori, innovazione finanziaria, fondi comuni d’investimento, valutazione dei rendimenti finanziari, ecc.).
E’ autore anche di una quindicina di libri umoristici e satirici pubblicati da Editoria & Immagine, Pacini, Gribaudo, Sottosopra ed altri.
Amante dello scrivere, ha pubblicato un volume di racconti (IL SENSO DELLE COSE, Editrice Ibiskos, Empoli, 2007) che ha ricevuto riconoscimenti in alcuni concorsi.
Autore del romanzo IL CIECO, (editore Raineri Vivaldelli, 2017).
Autore del romanzo IL MIO DIARIO, di Gesù di Nazareth (Editrice Stylos, 2012).
Autore del romanzo IL REGNO UNITO D’ITALIA, (Guida editore, Napoli 2019)
Un recente racconto, Il biglietto, ha vinto quattro terzi premi in concorsi ed è risultato primo al concorso internazionale Agenda dei Poeti 2010.
E’ autore di alcune centinaia di poesie inedite.

https://it.wikipedia.org/wiki/Gianluigi_De_Marchi

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.