Serata Benin

Riprendono i consueti appuntamenti del martedì sera in biblioteca organizzati dalla Compagnia dell’Armanac.
La stagione 2012-13 verrà inaugurata da una serata dedicata all’Africa, e in particolare al Benin, piccolo stato sconosciuto ai più.
Si tratta di un reportage video e fotografico di una piccola fetta di Africa, molto suggestivo, accompagnato da alcune testimonianze sugli aspetti  relativi al mondo scolastico.
Il programma della serata prevede la proiezione di un video documentario realizzato da Francesca Pastoris e Andrea Zublena, e la testimonianza di Opportune, ragazza originaria del Benin.
Il video è stato realizzato da Francesca e Andrea durante il viaggio avvenuto nella scorsa primavera in Benin, nel villaggio di Manta, per conto dell’associazione “Da Mutommu”. Uno dei primi progetti dell’associazione è stato quello di creare una scuola elementare in questo piccolo villaggio, e il video ne è la testimonianza. Francesca e  Andrea illustreranno quanto hanno materialmente fatto per dare una mano alla realizzazione del progetto e parleranno della loro esperienza, presentando inoltre numerose foto scattate in quei giorni.
A seguire interverrà Opportune, una ragazza del Benin, che da qualche anno si è spostata in Italia, a Santhià, per proseguire i propri studi. Lei ci racconterà la sua storia, mettendo a confronto i suoi due mondi. Un’occasione unica per saperne di più sulla situazione scolastica africana, dalla viva voce di chi l’ha vissuta nel quotidiano.
A introdurre la serata è stata invitata suor Alfonsina, che fa parte della Confraternita della Trasfigurazione in Sant’Andrea a Vercelli.
Il “viaggio” in Benin si svolgerà martedì 18 settembre alle 0re 21, presso la Biblioteca Civica di Santhià. L’ingresso è gratuito.
Per ulteriori informazioni sull’associazione “Da Mutommu” si veda il sito: http://www.damutommu.sitiwebs.com/
Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.