“4 stagioni in un giorno” di Andrea Cherchi

Martedì 10 dicembre alle ore 21, presso la Biblioteca Civica di Santhià il fotografo Andrea Cherchi  presenterà una serie di fotografie in cui il tema principale è il territorio vercellese, rappresentato nelle diverse stagioni dell’anno.

Definire semplicemente fotografo Andrea Cherchi può però apparire riduttivo, forse sarebbe meglio parlare di artista. Infatti non è “solo” un fotografo, è conosciuto in diversi campi (giornalista, presentatore, ecc.), e anche sotto altre vesti…

Questa sua poliedricità  si riflette nei suoi scatti, che sono delle vere e proprie perle (per avere la conferma , visitate il sito http://www.andreacherchivercelli.com/autore/). Poiché la produzione di Andrea è sterminata e spazia in diversi ambiti, è stato deciso di selezionare un unico tema, il Vercellese, e di osservarlo nelle varie sfaccettature.

Nell’incontro di stasera l’autore focalizzerà infatti l’attenzione sul nostro territorio, la nostra campagna, che spesso abbiamo sotto gli occhi, ma che molte volte non conosciamo. Si nota così un’attenzione particolare nelle piccole cose e un forte interesse degli intrecci tra agricoltura e paesaggio. Avremo inoltre il piacere di vedere il Vercellese da una prospettiva tutta nuova, grazie a numerose fotografie scattate dall’alto. Oltre a presentare le sue incantevoli fotografie, Andrea avrà il piacere di commentarle, e di illustrarci cosa lo ha spinto nella realizzazione di questi splendidi lavori.

Una serata unica, da non perdere, organizzata dalla Compagnia dell’Armanac.

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.