Presentazione di Racconti Partigiani

Martedì 27 ottobre, alle ore 21, è prevista una nuova serata presso la Biblioteca Civica di Santhià, organizzata dalla Sezione di Santhià dell’ANPI in collaborazione con la Compagnia dell’Armanac. Protagonista della serata è Giacomo Verri, brillante scrittore valsesiano che presenterà il suo lavoro letterario, “Racconti Partigiani”.

Giacomo Verri, scrittore valsesiano affascinato dalla Resistenza, con il romanzo “Racconti partigiani” ci riporta al passato, seguendo la voce del cuore. E i lettori piangono e ridono con i ragazzi di 70 anni fa, con il loro coraggio e le loro paure. “Racconti partigiani” è un libro in cui la complessità dei fatti e la violenza dei tempi si fondono in una narrazione amorevole. Gli episodi sono narrati con voce morbida, famigliare e calda, mentre i valori della Resistenza si manifestano in tutta la loro portata esistenziale, come l’apice della vita di chi l’ha combattuta.

L’autore era già stato ospite a Santhià per la presentazione del suo primo romanzo, “Partigiano Inverno”. Ora abbiamo la possibilità di scoprire una altro bellissimo lavoro, che ha ricevuto critiche positive da giornalisti di importanti testate nazionali, come il Corriere della Sera – “Prosa vigorosa, nutrita di una letteratura che va da Fenoglio al primo Calvino”, Ida Bozzi -, l’Avvenire – “… la forza, a tratti perturbante, dei Racconti partigiani di Verri, che dà il meglio di sé nella romantica tregenda Vene sottili e petali di rosa”, Alessandro Zaccuri -, e il Sole 24ore – “Scrittore autentico, Verri infine affida alla lingua il compito ‘magico’ di riscattare il passato, ricreandolo”, Vittorio Giacopini -.


Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.