Fotografie di guerra

Martedì 8 novembre, alle ore 21, presso la Biblioteca Civica di Santhià, è previsto un nuovo appuntamento organizzato dalla Compagnia dell’Armanac in collaborazione con La Voce e Vobis. Protagonista della serata sarà Andreja Restek, fotoreporter di guerra, che presenterà un reportage fotografico sulla Siria devastata dalla guerra.

Andreja Restek, croata di origine e torinese di adozione, è una giornalista fotoreporter che vanta una lunga esperienza sul campo, testimoniando gli eventi e i cambiamenti nei Paesi del terzo mondo, soprattutto in zone di guerra come Siria, Ucraina, Crimea, Russia, Balcani, Africa. È inoltre fondatrice e direttrice di APR news, quotidiano on line che segue e monitora il fenomeno del terrorismo e i gruppi terroristici nel mondo (http://aprnews.photoshelter.com/), e collabora con numerose testate giornalistiche, sia italiane che estere.

Durante questa serata Andreja presenterà un reportage fotografico sulla Siria, in cui ormai si combatte da numerosi anni. Molte delle foto presentate sono state raccolte in uno splendido volume “Siria. Dove Dio ha finito le lacrime”, edito da Edizioni Effedì, ma non solo: recentemente è stata di nuovo in Siria, per cui avremo la possibilità di vedere fotografie inedite.

“Io credo che dopo le madri, i padri ed i professori, vengano i giornalisti. Hanno un compito importantissimo. Devono raccontare i fatti con onestà e senza ipocrisia» dice Andreja spiegando le ragioni che l’hanno spinto a scegliere un lavoro così pericoloso. Grazie a persone come lei, attraverso la sua sensibilità di giornalista e fotografa, tutti noi abbiamo la possibilità di vedere com’è la situazione in Siria, provando di comprendere gli effetti devastanti della guerra e il modo in cui vita cerca di continuare.

Ricordiamo inoltre che Andreja Restek ha curato una mostra a Palazzo Madama a Torino, in cui sono presentati i lavori di 15 eccezionali fotoreporter, tutte donne, tutte accomunate dalla passione per il proprio lavoro, tutte propense a correre grossi rischi per poterlo svolgere al meglio. La mostra è in programma fino a domenica 13 novembre (http://www.palazzomadamatorino.it/it/eventi-e-mostre/prima-linea-donne-fotoreporter-luoghi-di-guerra-mostra).

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.