La solitudine del giaguaro

Martedì 25 ottobre, alle ore 21, è in programma un nuovo appuntamento organizzato dalla Compagnia dell’Armanac in collaborazione con la Voce e Vobis, grazie al vivo interessamento del Comune di Santhià. Protagonista della serata sarà Barbara Appiano, eclettica dottoressa che in occasione della presentazione del suo libro “La solitudine del giaguaro” colloquierà sulla vita e sul mondo.

Laureatasi in Giurisprudenza, la dottoressa BARBARA APPIANO oltre che ad occuparsi di attività inerenti il suo percorso formativo, si è dedicata a vivere con una concezione ‘alta’ della vita, ovvero vivendola con una sua filosofia che pur restando pertinente con la realtà vola attraverso i cieli della speranza.

Il suo sogno ricorrente è ispirato alla concezione di W.Goethe  “..trafitto dalle passioni, l’amore ci sopravvive e l’arte ci rende immortali.”

Barbara Appiano ha scritto poesie e testi vari e di lei hanno parlato prestigiose testate a tiratura nazionale e giornali locali. Totalmente rivolta al prossimo, all’umanità ed alla natura che ci ospita, collabora anche con Fondazione I.E.O. (Viale Ripamonti 435 Milano) e con  PENGO per la salvaguardia dei Rinoceronti. A queste iniziative la scrittrice devolverà  parte del ricavato dalla vendita del suo ultimo lavoro che presenta in prima assoluta a Santhià e  da cui partirà   un tour di presentazioni in  diverse città italiane, di cui la prossima sarà  Montecatini Terme.

Il titolo del libro è decisamente accattivante “LA SOLITUDINE DEL GIAGUARO, pensieri surgelati e nuvole posate sopra i sassi”. Non si tratterà certamente di una consueta presentazione di un libro, ma sarà una chiacchierata sulla vita e sul mondo, che affascinerà sicuramente la platea.

Un sentito ringraziamento va al Sindaco Angelo Cappuccio insieme all’assessore Renzo Bellardone ed a tutta l’amministrazione comunale, per l’impegno nella realizzazione di questa serata e per il sensibile e costante sostegno alla divulgazione della cultura ad ampio raggio.

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.