Aperitivo letterario

Sabato 27 maggio, alle 10.30, presso la Biblioteca Civica di Santhià,è in programma un nuovo appuntamento organizzato dalle associazioni Compagnia dell’Armanac e La Voce, in collaborazione con Vobis, con il supporto del presidio soci della Coop di Santhià e con il patrocinio del Comune di Santhià. Protagonista dell’incontro di questa settimana sarà il libro Kairnac e i pellegrini di vetro , capitolo conclusivo di una trilogia fantasy, che viene presentato dall’autrice Elisabetta Munerato.

Nel libro presentato in quest’occasione,  “Kairnac e i pellegrini di vetro”,  si attinge a piene mani ad aspetti filosofici e religiosi, amalgamandovi basi storiche e personaggi contemporanei, ed adottando logiche proprie delle storie fantasy. La lotta continua del bene e del male, il senso stesso della vita e della morte, il mistero della fede e la ricerca continua di Dio nell’uomo, sono i principali temi lungo un pellegrinaggio che non è solo geografico e di fede, ma anche e soprattutto interiore. I personaggi e le loro disavventure, si trasformano in strumenti per sperimentare ed esaminare, in un dualismo filosofico, la spiritualità e la razionalità umane.

L’autrice ha realizzato tre libri facenti parte di una trilogia che vede protagonista l’eroina Vita:  Rudiobios, misteri sulla Via Francigena”, (pubblicato per la prima volta nel 2011 da Garcia edizioni e in seconda edizione nel 2013 da Loquendo editrice),  “Pulchra Silva, leggende lungo la via Francigena” pubblicato nel 2013 da Loquendo editrice, ed appunto “Kairnac e i pellegrini di vetro“, edito da Cavinato Editor International. Ognuno dei tre libri è fruibile singolarmente, proponendo vicende e personaggi che non richiedono necessariamente al lettore la conoscenza degli avvenimenti precedenti o successivi, pur nell’ambito di un ciclo narrativo unitario che si evolve e giunge a compimento con la conclusione della trilogia.

Al termine dell’incontro con l’autrice, è previsto un conviviale aperitivo.

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.