Aperitivo letterario

Sabato 14 ottobre, alle ore 10.30, presso la Biblioteca Civica di Santhià, è in programma un nuovo appuntamento organizzato dalla Compagnia dell’Armanac in collaborazione con Vobis e La Voce, con il supporto del presidio soci della Coop di Santhià e con il patrocinio del comune di Santhià. Protagonista dell’incontro sarà lo studioso Samuel Manzoni, che ha curato il volume “Musica e letteratura al tempo dell’Unione Sovietica“.

Lo studioso vercellese ha pubblicato questo saggio su Ivan Ivanovič Sollertinskij, versatile musicologo attivo nella Russia degli anni ’30, colmando una lacuna che durava da anni. Manzoni ha cominciato a lavorare sul musicologo russo fin dai tempi della tesi, poi ha approfondito il discorso non solo sui libri delle biblioteche italiane, ma recandosi a Mosca per entrare nel personaggio e comprendere l’ambiente in cui ha vissuto. Amico del celeberrimo compositore Dmitrij Šostakovič, è stato uno dei più importanti studiosi della scuola russa nella prima metà del ’900, il poterlo (ri)scoprire anche ai giorni nostri in Italia è cosa molto gradita, merito dell’attento e scrupoloso lavoro di Manzoni.

Alla conclusione dell’incontro, vi sarà un conviviale rinfresco per tutti i partecipanti, durante il quale ci sarà la possibilità di conoscere l’autore di persona.

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.