Vita e racconto

Martedì 25 gennaio ore 21.00  Biblioteca  Santhià

Memorie, parole, omissioni. Incontro con l’autrice Lina Besate organizzato dalle Edizioni Mercurio

Le  Edizioni Mercurio e la Compagnia dell’Armanac presentano Vita e Racconto – Memorie, parole, omissioni.

Si tratta dell’incontro con l’autrice Lina Besate occasione per discutere il tema controverso del rapporto tra vita e racconto, ponendo al centro dell’attenzione il ruolo problematico della memoria individuale come fonte della storia contemporanea. L’incontro sarà occasione per la presentazione dei libri “C’era una volta il comunismo” e “Il Giardino di Giulia”. Sarà presente anche Marco Guerrieri, disegnatore, illustratore di Studio Kaboom autore delle copertine.

Sulla stessa scia di VITA E RACCONTO si segnala anche Giovedì 27 Gennaio 2011 ore 17.30 a Torino in via san Tommaso, 18 presso la sede di PiemonteLibri, Edizioni Mercurio presenta Vita e Racconto. Esperienza, emozione, scrittura invito al dibattito sull’esperienza di essere donna nella società contemporanea tra vissuto e narrazione. Con la partecipazione di Piera Bianco.

L’incontro prevede la partecipazione di autori affermati, autori esordienti, studiosi, operatori nei settori della Cultura e delle Pari Opportunità. L’idea è che solo una pluralità di voci e di sguardi può preservare la diversità culturale che oggi appare come un patrimonio, una risorsa indispensabile per porre argine all’omologazione culturale schiacciante indotta da mezzi di comunicazione di massa sempre più potenti e pervasivi.

Per la presentazione delle opere di Lina Besate …

Il giardino di Giulia
di Lina Besate

2010, pp. 88, € 10,00
Codice ISBN: 978-88-95522-54-8

C’è un luogo misterioso, eppure famigliare, attorno al quale ruotano le parole di Lina Besate, una sorta di vortice che tutto attrae e tutto respinge. Un buco nero della memoria, una galassia nascosta, che probabilmente l’autrice non finirà mai di esplorare. Un luogo dal nome rassicurante e vagamente evocativo: caffè Svizzero. Esiste, ne sono sicuro. Se chiudo gli occhi posso vederne i tavolini dalle gambe sottili, gli specchi liberty, gli avventori avvolti dalla luce esitante di lampadari in vetro azzurro.
Proprio qui, nell’attesa malinconica di un sogno invecchiato, avevo lasciato Giulia, una delle protagoniste di ‘C’era una volta il comunismo (e altri racconti)’, l’esordio folgorante di una narratrice di razza. Ed ora Giulia è tornata con la sua vita piena di cose e colori, di amore e politica, sensi in allarme, sospetti e liberazioni. E’ la Giulia che conoscevo, eppure non lo è. La riconosco da alcuni dettagli, ma poi mi sfugge, attraversa territori sconosciuti per tornare qui, infine, carica di nuovi sorrisi che, ormai, ho imparato ad amare. Mi guarda, si risiede al solito tavolino, e ricomincia l’attesa. Attesa di qualcuno o qualcosa, magari di un semplice brandello di ricordo capace di incantarla.

Lorenzo Proverbio

C’era una volta il comunismo (e altri racconti)
di Lina Besate

2009, pp. 80, € 10,00
Codice ISBN: 978-88-95522-42-5

Questo libro non è un saggio e non è un romanzo. È qualcosa che offre risposte senza chiederle, come spesso capita vivendo, semplicemente. La protagonista attraversa entusiasmi e tragedie con un trasporto le cui radici affondano, profonde e vitali, nel fertile humus della provincia, dove gli avvenimenti, compresi quelli di levatura internazionale, incrociano gli sguardi trasversali della tradizione contadina.
Ne risulta un affresco intimo e intenso, nel quale ognuno di noi troverà un tassello da aggiungere alla propria, personale galleria di ricordi.

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.