Il meraviglioso mondo delle api

Da mercoledì 20 febbraio a mercoledì 17 marzo

Santhià, Biblioteca civica, ore 21

Prende il via mercoledì 20 febbraio, presso la biblioteca di Santhià, un ciclo di appuntamenti dedicato al mondo delle api e dell’apicoltura. L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Santhià, è partita da Aurelio Franchini, un apicoltore di Tronzano che punta a creare nella nostra zona un polo apistico costituito da giovani, ma non solo, che desiderino apprendere l’”arte di coltivare le api”.

Si comincia da mercoledì 20 febbraio con una serata di interesse generale, introdotta direttamente dall’assessore alla cultura Luigi Zai, che per un ventennio si è dedicato ad un consistente apiario sito sulla collina di Cavaglià. “La passione per questo favoloso mondo della natura non mi è mai passata, – confessa Zai. – Ho quindi colto al volo la proposta di Franchini di trattare questo argomento per sottolineare gli aspetti più interessanti e curiosi di questo piccolo ma significativo settore dell’agricoltura”.

“Quando scompariranno le api – pare abbia sentenziato una volta Einstein – “Anche l’esistenza dell’uomo sarà al capolinea”. E in effetti le api sono molto a rischio oggi, minacciate da nuove patologie e da trattamenti chimici che le indeboliscono enormemente. Finora, solo l’amore degli apicoltori ne ha evitato la scomparsa.

Ma anche se minacciata, questa attività imprenditoriale può portare reddito a chi decidesse di dedicarvisi. E il ciclo di incontri – assolutamente gratuiti – proposti in biblioteca, punta a raccogliere un gruppo di giovani e meno giovani intenzionati a cimentarsi. “Gli allievi, – dichiara Franchini – oltre alle lezioni teoriche, avranno la possibilità di seguire gratuitamente per un anno intero la vita in apiario”. Più di così!

A corollario dell’iniziativa è prevista anche una gita a Piacenza, il 3 marzo, in occasione dell’APIMEL, la fiera dell’apicoltura, del florovivaismo, dell’orticoltura, dell’enogastronomia e del buon vivere. Informazioni e prenotazioni presso la biblioteca santhiatese.

Share

I commenti sono chiusi.

Cosa facciamo

La Compagnia dell'Armanàc si propone come piccolo laboratorio aperto di idee per la valorizzazione della cultura locale, del territorio santhiatese, vercellese, piemontese in genere. Non senza attenzione per gli spunti provenienti da "altre" culture, da "altre" conoscenze, convinti che l'incontro e lo scambio arricchiscono e contribuiscono alla pacificazione. E' così che organizziamo serate con proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di autori e di opere, eventi musicali, camminate in mezzo al paesaggio con visite a siti e luoghi di interesse antropologico. Realizziamo cortometraggi e in alcuni casi pubblichiamo libri. Crediamo nell'"estetica dell'etica" e per questo ci siamo iscritti a Libera, l'associazione di don Ciotti che si batte contro le mafie.